Il tamburo del diavolo. Miti e culture del mondo dei pastori.pdf

Il tamburo del diavolo. Miti e culture del mondo dei pastori PDF

Il tamburo del diavolo è, nella colorita immagine usata dai pastori del Cilento, il fragore del tuono, che porta la tempesta e oscura il sole. Questo libro, fin dal titolo, vuole essere dunque uno straordinario omaggio ai pastori, e insieme un rigoroso e ricchissimo studio antropologico del loro mondo. Frutto di una ricerca intrapresa da quarantanni, esso evoca, per il suo respiro, il grande antecedente del lavoro sui contadini e il mondo magico di Ernesto De Martino. Nei pascoli solitari delle montagne non giungevano i rumori e i contrasti della città. Ma si può ancora immaginare, nella convulsione attuale dei centri urbani, comera la vita di un pastore? A narrarla, in questo volume, sono gli stessi protagonisti, per lo più del Vallo di Diano, ma anche delle aree vicine, Cilento e Basilicata. I racconti, registrati a partire dagli anni settanta, sono espressione diretta della collettività pastorale. Non pochi, tra i testimoni interpellati, erano nati nellOttocento e conoscevano bene le tradizioni degli avi, al di là delle proprie esperienze di vita. Non si può entrare nel vissuto quotidiano del pastore senza tener conto dellalone di mistero che lo circondava: ecco perché una parte importante del libro è dedicata al suo mondo magico. Qual è il senso del recupero di queste memorie? Prima di tutto un bisogno profondo di ricerca della più remota identità dei luoghi. E un mondo perduto, quello di cui stiamo parlando? Forse, e fortunatamente, ancora non del tutto.

HERUNTERLADEN

ONLINE LESEN

DATEIGRÖSSE 7.41 MB
ISBN 9788860367440
AUTOR Giuseppe Colitti
DATEINAME Il tamburo del diavolo. Miti e culture del mondo dei pastori.pdf
VERöFFENTLICHUNGSDATUM 04/02/2020

Miti e culture del mondo dei pastori", anche negli aspetti meno noti e più aspri. Un volume denso di storie, che deve la sua efficacia al fatto di riportare fedelmente i racconti ( il tamburo è il rumore del tuono nella tempesta) e i ricordi delle ultime due generazionidi "pastori", secondo l'accezione tradizionale che che si dà a questa parola e a questo mestiere.