Vivere con i libri.pdf

Vivere con i libri PDF

Riporre un libro dopo averlo letto è un piacere sottile, quasi sensuale, che ogni lettore conosce bene. Lo si infila al posto che gli è stato assegnato nella libreria, ci si allontana di qualche passo e lo si guarda soddisfatti accanto ai suoi nuovi amici. Il sogno di ogni lettore è quello di poter abbracciare con lo sguardo linsieme variopinto dei propri libri, tutti davanti agli occhi, tutti disponibili. Perché vivere con i libri, come recita il titolo di questo volume, è un piacere che si rinnova di giorno in giorno. Lappassionato non si separa facilmente dai propri libri, li prende spesso in mano, li porta in giro per casa o in borsa, li appoggia sul comodino e poi li rimette sullo scaffale. Li legge e li rilegge, oppure li sfoglia soltanto. Il bibliofilo li collezionerà per tutta la vita, frequentando senza sosta librerie, mercatini dellusato, biblioteche e remainders: eternamente alla ricerca dello scrittore più amato, delledizione di pregio, della copertina perfetta. E poiché in casa i volumi cresceranno a dismisura, servirà sempre un posto dove riporli. Vivere con i libri corre in aiuto dei lettori affamati, pieni di libri che non hanno ancora la loro meritata collocazione. Le librerie fotografate in queste pagine sono lideale corredo di chi colleziona libri da una vita intera, di chi ama circondarsi di libri, di chi ha fatto dei libri i protagonisti indiscussi della propria esistenza. Il volume presenta soluzioni impegnative e su misura.

HERUNTERLADEN

ONLINE LESEN

DATEIGRÖSSE 2.35 MB
ISBN 9788837089528
AUTOR Giuseppe Molteni,Roberta Motta,Margherita Pincioni
DATEINAME Vivere con i libri.pdf
VERöFFENTLICHUNGSDATUM 07/04/2020

Primo appuntamento, venerdì 6 marzo, dalle 17,30, con “La biblioteca incontra: vivere con i libri, vivere con le parole“, la rassegna letteraria organizzata dal consorzio biblioteche che fino al 29 maggio prossimo, per quindici incontri in tutto, vedrà salire tanti interessanti ospiti sul palco della sala conferenze “Vincenzo Cardarelli”, ancora...