Scelti per essere santi. Lectio divina sulla Lettera agli Efesini.pdf

Scelti per essere santi. Lectio divina sulla Lettera agli Efesini PDF

Nato come ritiro spirituale, questa lectio sulla Lettera agli Efesini si caratterizza innanzitutto per il suo continuo intreccio tra la dimensione personale e quella ecclesiale, per la sua apertura contemplativa e il suo slancio di universale empatia. Seguendo il testo biblico nel suo svolgersi, emergono i principali temi della vita spirituale che coinvolge ogni persona, proprio perché chiamata alla piena maturità. Una novità sorprende subito: il viaggio non inizia sulla terra, nella concretezza della vita con le sue angustie e le sue fatiche, ma parte dal cielo, dalla sorgente della Vita Dio Amore - e dalla pienezza della divina benedizione. Il cammino iniziato in cielo - nelleterno disegno di Dio - prosegue allora sulla terra, nellaspra lotta tra la luce e le tenebre, tra luomo vecchio e luomo nuovo, tra il Cristo e il diavolo. In tal modo, la lettera giunge alla conclusione assegnando al cristiano il compito di stare ben armato e vigilante sul campo del combattimento spirituale. Come tutti i commenti dellautrice anche questo è arricchito da numerosi brani degli antichi Padri che riportano i lettori alle origini più fresche e genuine della vita cristiana.

HERUNTERLADEN

ONLINE LESEN

DATEIGRÖSSE 3.13 MB
ISBN 9788831535632
AUTOR Anna Maria Cànopi
DATEINAME Scelti per essere santi. Lectio divina sulla Lettera agli Efesini.pdf
VERöFFENTLICHUNGSDATUM 06/03/2020

3) Commento 1 su Lettera agli Efesini 1, 3 - 14 Nella seconda lettura l'apostolo Paolo scrive un meraviglioso inno di benedizione a Dio perché " in Cristo ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità ". In questa frase vediamo la predestinazione a figli, redenzione e perdono ROMA, domenica, 6 marzo 2011 (ZENIT.org).- Pubblichiamo di seguito la lectio divina sul testo della Lettera agli Efesini (4,3), tenuta il 4 marzo da Benedetto XVI durante la visita al Seminario Romano Maggiore, alla vigilia della Festa della Madonna della Fiducia, Patrona dell’Istituto. In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità, predestinandoci a essere per lui figli adottivi mediante Gesù Cristo, secondo il disegno d’amore della sua volontà, a lode dello splendore della sua grazia, di cui ci ha gratificati nel Figlio amato.