Germania. Testo latino a fronte. Ediz. critica.pdf

Germania. Testo latino a fronte. Ediz. critica PDF

«Germania, terra informe, dal clima pessimo, squallida a viverci e senza nulla di bello, se non per chi ci è nato.» «Tra i pregi di questa edizione cè, oltre alla bella, agile e chiara traduzione del testo, unutile e precisa introduzione, un interessantissimo e approfonditissimo commento e un ricco apparato di note» – Tuttolibri «Delle varie Germanie circolanti oggi in Italia, questa è senz’altro la migliore e, senza ombra di dubbio, di gran lunga la più completa» – Doppiozero «Questa nuova edizione, che si avvale di un corposo apparato critico e documentario, ci riporta a uno dei testi più profetici e gravidi di conseguenze che provengano dallantichità» – Il Giornale Questo è il libro che ha inventato la nazione germanica, sia nella percezione dei Romani, sia in quella degli stessi Germani, che prima non si consideravano un popolo solo destinato a unificarsi, ma un insieme vasto ed eterogeneo di tribù sparse nel nord est dell’Europa, spesso in guerra tra loro, alcune in pace con Roma, altre ostili. La «Germania» è un meraviglioso trattato etnografico scritto attorno al 98 d.C., con usi, costumi, cibi, vestiari, culti, stanziamenti, spostamenti di queste variegate e selvagge popolazioni, guardate anche da Tacito con ammirazione per le loro primitive virtù, ormai dai Romani perdute

HERUNTERLADEN

ONLINE LESEN

DATEIGRÖSSE 9.79 MB
ISBN 9788822903587
AUTOR Publio Cornelio Tacito
DATEINAME Germania. Testo latino a fronte. Ediz. critica.pdf
VERöFFENTLICHUNGSDATUM 06/01/2020

Testo latino a fronte. Ediz. critica 1845) trovasse in Germania fondamento - solo apparentemente paradossale - in un clima sociale ben altrimenti che in Italia attento potendosi in Italia intendere, non che leggere speditamente, il greco e il latino da tanto pochi, rispetto al numero di quelli che o si Questo è il libro che ha inventato la nazione germanica, sia nella percezione dei Romani, sia in quella degli stessi Germani, che prima non si consideravano un popolo solo destinato ad unificar