La letteratura francescana. Testo latino a fronte. Vol. 3: Bonaventura: la perfezione cristiana..pdf

La letteratura francescana. Testo latino a fronte. Vol. 3: Bonaventura: la perfezione cristiana. PDF

Secondo lesempio del beatissimo padre Francesco, anchio, peccatore indegno in tutto, che viene dopo di lui come settimo ministro generale dei frati, mi affannavo nellinseguire questa pace. Così, a trentatré anni dalla sua scomparsa, mi ritirai, per volere di Dio, sul monte della Verna, un luogo di quiete dove desideravo cercare la pace dello spirito. Là, riflettendo su alcune ascensioni della mente in Dio, tra gli altri casi mi si presentò alla memoria il miracolo che si era manifestato al beato Francesco in quello stesso luogo, cioè la visione del serafino alato in forma di Crocifisso. Meditando su quella visione, mi sembrò subito che essa rivelasse linnalzamento in croce, durante la contemplazione, del nostro padre Francesco e la via per raggiungerlo. Inizia così, il celebre Itinerario della mente in Dio di Bonaventura da Bagnoregio. Un trattato esemplarmente breve di teologia mistica che costituisce una guida per mostrare come luomo possa innalzarsi fino a conoscere veramente Dio: e anzi a Dio possa unirsi. Ispirandosi a Dionigi pseudo-Areopagita e ad Agostino, e soprattutto alla vita e allesperienza mistica di Francesco dAssisi, e alla Passione di Cristo, Bonaventura disegna nel suo libro la perfezione cristiana: come un cammino attraverso sei illuminazioni che con Francesco e il serafino si aprono e si chiudono, e che alle sei ali di quellessere celeste corrispondono. Commento di Daniele Solvi.

HERUNTERLADEN

ONLINE LESEN

DATEIGRÖSSE 3.15 MB
ISBN 9788804614036
AUTOR Richiesta inoltrata al Negozio
DATEINAME La letteratura francescana. Testo latino a fronte. Vol. 3: Bonaventura: la perfezione cristiana..pdf
VERöFFENTLICHUNGSDATUM 04/03/2020

testo latino a fronte, premessa e cura di Claudio Leonardi, commento di Daniele Solvi, traduzione dei testi di Roberto Gamberini e Daniele Solvi. pp. CX-434, Milano «Secondo l’esempio del beatissimo padre Francesco, anch’io, peccatore indegno in tutto, che viene dopo di lui come settimo ministro generale dei frati, mi affannavo nell’inseguire questa pace.